La cultura sostenibile esiste! A Lima 195 Paesi come a Siena 200 iscritti (previsti appena 50)

Di 1 0

L’evento per la cultura sostenibile esiste e si chiama COP20, ovvero Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico (UNFCCC).

Lima, in Perù, è diventata ora una serie di convegni ed incontri per arrivare a dicembre al “Fare”, al momento di agire per ridurre il gas serra. La cultura sostenibile si propaga fino a Siena mettendo in lista d’attesa 150 studenti per il “Sustain-Ability Certificate”.
Il COP20 dal 1994 ad oggi ha fissato ben 21 incontri per i 195 paesi aderenti per ratificare e sottoscrivere convenzioni e, di anno in anno aggiornare, negoziazioni al fine di mantenere circoscritto il problema della sostenibilità:

  1. Raccogliere e condividere dati sulle emissioni gas serra e sulle politiche nazionali per ottimizzarli.
cultura-sostenibile-Lima-Cop-20-infographic

L’evento per la cultura sostenibile esiste e si chiama ufficialmente UNFCCC, ovvero Convenzione Quadro delle Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico.

  1. Sviluppare strategie nazionali per controllare l’emissione del gas serra e in previsione l’impatto sul cambiamento climatico così come l’erogazioni di aiuti finanziari per i paesi in via di sviluppo.
  1. Ultimo e non di minor importanza: collaborare per adattarsi agli effetti dei cambiamenti climatici (dobbiamo scendere di 2 gradi la temperatura media del Pianeta).
cultura-sostenibile-Lima-Cop-20

Dal 1994 ad oggi ben 21 incontri per i 195 paesi aderenti per ratificare e sottoscrivere convenzioni e di anno in anno aggiornare negoziazioni per mantenere circoscritto il problema della sostenibilità

Rientra nella stessa ottica delle Nazioni Unite l’ottimo corso di Cultura Sostenibile (200 iscritti sui 50 previsti) organizzato a Siena, capitale della cultura sostenibile. Il prof. Bastianoni ha coordinato a Siena il Corso di Sostenibilità. Rilasciando il “Sustain-Ability Certificate” che attesta il possesso di competenze di base, sia dei principi e delle dimensioni della sostenibilità, sia degli strumenti utili per operare in contesti professionali e di studio con le adeguate capacità in materia di sviluppo sostenibile.

“Il problema è antropocentrico, significa che l’ambiente si sostiene da solo ma non noi, esseri umani che senza la Terra, non viviamo.” (prof. Simone Bastianoni)

Il corso sulla sostenibilità del pianeta ha avuto un esito molto positivo. L’aspettativa era per 50 iscritti ma sino all’ultima ora hanno partecipato piu di 200. Non solo studenti, infatti il corso è aperto a tutti (costo per gli esterni circa 230 Euro). Il corso non è un trattato teorico di schemi e cifre che frullano davanti alle presentazioni ma si pone in un livello più pragmatico, e i suoi punti di forza sono:

  • Interdisciplinarità: l’allarme delle sostenibilità è trasversale tanto che riguarda tutti i docenti, dal geologo al sociologo, all’economista.
  • La volontà è quella di lasciare un messaggio positivo: la progettualità deve richiamare il contenuto ottimistico.
  • È una pietra miliare per ciò che lasciamo al futuro: coinvolgere il numero più alto di persone.
cultura-sostenibile-corso-Siena

Si rilascia il “Sustain-Ability Certificate” che attesta il possesso di competenze di base sia dei principi e delle dimensioni della sostenibilità sia degli strumenti utili per operare in contesti professionali e di studio con le adeguate capacità in materia di sviluppo sostenibile

Il corso è nato a Siena perché l’Università è anche l’Ente coordinatore per il mediterraneo della SDSN, ovvero ONU, per trovare soluzioni pratiche allo sviluppo della cultura sostenibile. Vengono trattati temi quali la “Green economy”“Sostenibilità nella strategia aziendale”, tanto che intervengono “Barilla”, giornalisti di “Repubblica” e 20 illustri professori di Siena. Made in Siena per tutto il Globo.

Altre importanti aziende parteciperanno al prossimo corso, iscriviti e ricevi

Learning never ends.
I achieved personal successes through this blog and managing the Italian twitter of www.rugbyunited.org.uk. In every of those role during my carrier in Communication Manager (I am rewarded from A.I.G.A, the international graphic association) I can say: “All we have to know is how to love this Planet and spread it!”.

1 Comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *