Senza fame nel pianeta: X Edizione – L’eliminazione della fame nel Mondo

Basta indugi: senza fame sulla terra. È il mood della X edizione The Future of Science, convegno mondiale dal 18 al 20 settembre all’Isola di San Giorgio Maggiore, Venezia.

Programma e accrediti alla Conferenza sul sito www.thefutureofscience.org

Serie di incontri che tratteranno tematiche connesse all’alimentazione sostenibile quali: politiche di gestione economica e sociale delle risorse vegetali e idriche, ingegneria genetica e OGM, sicurezza alimentare, relazione tra cibo e salute, percezione pubblica e sociale. Le giornate:

  • 18 Settembre 2014

L’iniziativa parte dal fulcro: “sfamare il mondo”, per il pianeta senza fame.

2 miliardi di persone oggi soffrono la fame. Il 75% di essi dipende dall’agricoltura per il proprio sostentamento. Solo 700 specie di piante, di oltre 250 mila conosciute, vengono coltivate in modo sistematico di cui riso, frumento e mais rappresentano oltre il 60% di tutta la produzione mondiale. Ad oggi, il 75% della diversità genetica delle piante è andata perduta.

Di questo parlerà Shivaji Pandey, Consigliere Speciale del Direttore della Divisione Produzione e Protezione delle Piante dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) a Roma.

“La soluzione del problema delle risorse alimentari del pianeta non può non passare attraverso le innovazioni delle moderne scienze della vita”. David Baulcombe.

Baulcombe tratterà la necessità di applicare criteri scientifici all’agricoltura, in un’ottica di reale sostenibilità: l’uso di OGM ma in un contesto più ampio; affidare al settore pubblico il controllo del cibo mondiale.

Sono in programma diversi interventi e molti temi delicati: • Professor Umberto Veronesi, presidente di The Future of Science • Giovanni Bazoli, presidente della Fondazione Giorgio Cini • Marco Tronchetti Provera, presidente della Fondazione Silvio Tronchetti Provera • Kathleen Kennedy Townsend, vicepresidente di The Future of Science • Chiara Tonelli, Segretario Generale di The Future of Science.

Per un mondo senza fame e acqua per tutti - I Love This Planet

Per un mondo senza fame e acqua per tutti – I Love This Planet

  • 19 Settembre 2014

Senza fame e acqua per tutti, è il conciso che Stella Thomas, fondatrice e Managing Director del Global Water Fund, spiegherà con un nuovo modello socio-economico: garantire la sicurezza dell’acqua nei paesi emergenti è essenziale per favorire eventuali investitori. “Investendo un dollaro in risorse idriche, si può ottenere un ritorno fino a 35 dollari …”. La seconda giornata prevede altri fondamentali tematiche per lo sviluppo sostenibile del pianeta senza fame. Il programma completo www.thefutureofscience.org

Per un mondo senza fame, nutrire il Pianeta - I Love This Planet

Per un mondo senza fame, nutrire il Pianeta – I Love This Planet

  • 20 Settembre 2014

Nutrire il pianeta è dunque, nella terza e ultima giornata, la vera grande sfida del XXI secolo. È necessario che le istituzioni, prima a livello europeo e poi mondiale, definiscano le regole minime, giuridiche e politiche, per realizzare un progresso della società fondato sul diritto di ognuno ad avere la giusta disponibilità di cibo. Il terzo giorno vedrà molti altri interventi, il programma completo www.thefutureofscience.org

 

Da sottolineare il via del Premio giornalistico scientifico “Alimentiamo il nostro futuro, nutriamo il mondo. Verso Expo 2015” ovvero promuovere nel corso del 2014, attraverso l’opera di un’informazione corretta ed esaustiva sul tema dell’innovazione scientifica per l’agricoltura sostenibile e la lotta alla fame nel mondo. Un’iniziativa Agrofarma – Associazione nazionale imprese agrofarmaci che fa parte di Federchimica – sul tema dell’agricoltura sostenibile.

Per altri aggiornamenti, iscriviti e ricevi

Learning never ends.
I achieved personal successes through every project I’d managed, like this blog, twitting since 2014 for the Awarded Rugbyunited.org.uk, and more. In every of those role during my carrier in Communication Manager I can say: “All we have to know is how to love this Planet and spread it!”

No Comments Yet.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *